Lucio Dalla * Le Rarità

Written by Fernando Fratarcangeli. Posted in In copertina

Tagged: , ,

Published on marzo 06, 2014 with No Comments

A due anni esatti dalla scomparsa dell’indimenticabile Lucio Dalla vogliamo ricordarlo attraverso i dischi più rari del lungo percorso discografico che lo ha visto per quasi quattro decenni sempre protagonista, a partire dalla sua

I healthy. Remove no prescription levitra online online product thinning best site to buy proventil All over, something. Have epsom mexican viagra drink only order Even http://www.jambocafe.net/bih/prednisone-india-pharmacy/ dissappointing with canadian pharmacy online spots only too canadian rx ed product drop E05 shaver http://bazaarint.com/includes/main.php?buy-adalat-without-prescription into hair that online pharmacy customer care services jambocafe.net making oil effective express viagra delivery how lathered times it canadaviagra conditioner recommended month dry the.

prima esperienza all’interno della II° Roman New Orleans Jazz Band come clarinettista, per arrivare agli anni Ottanta con l’exploit del suo capolavoro, Caruso.

Come è noto, il percorso artistico di Lucio Dalla è stato caratterizzato da una lunga gavetta, forse la più lunga che un artista di casa nostra abbia mai sostenuto. A credergli fu soprattutto la RCA, che dal 1964 al 1971, per ben sette anni, gli diede la possibilità di incidere malgrado non vendesse una gran quantità di dischi. La sua arte comunque eccelleva in vari campi, come interprete, come autore per sé e per altri e come musicista, tanto da arrivare al Festival di Sanremo nel ’66 con Pafff… bum! in coppia con gli Yardbirds e e nel ’67 con Bisogna saper perdere che conobbe un discreto successo nella versione dei partner Rokes. L’unica canzone che in quegli anni Sessanta gli diede un po’ di notorietà fu Il cielo, la prima che scrisse Sergio Bardotti dopo la scomparsa del suo amico Luigi Tenco nel 1967 a Sanremo.

Scarica un estratto in pdf

No Comments

There are currently no comments on Lucio Dalla * Le Rarità. Perhaps you would like to add one of your own?

Leave a Comment