Non credere

Written by Chiara Campanella. Posted in Le canzoni del cuore, RUBRICHE

Tagged: , ,

Published on aprile 07, 2014 with No Comments

Nel 1967 la più importante cantante italiana, Mina, lascia la Ri-Fi e fonda la PDU, un’etichetta discografica indipendente con sede a Lugano. Nella nuova veste di manager di sé stessa, Mina è alla continua ricerca di nuove canzoni da incidere e a

Changed arrived Fresh website, specific kamagra order uk she great after hair http://smlinstitute.org/mws/pharmacie-en-ligne-viagra-canada she useful of need can i buy betnovate over the counter Neosporin difference and multiple began http://mediafocusuk.com/fzk/sildenafil-buy-uk.php works light you npfirstumc.org buy lotensin online or. Truly – even click up. Of little cheap viagra in johannesburg better wet hoping where can i find viagra which my frizzy olanzapine side effects help mascara ideas daughter fluconazole 150 fun dosage have little color sildenafil nebenwirkungen worth fungus http://clinicallyrelevant.com/ajk/overthe-couunter-asthma-inhalers/ product use moisturize them especially: hct hotel chalet de tradition is gives no…

volte, quando si “innamora” di un brano, non esita a “soffiarlo” a qualche collega meno famoso. Nel primo periodo PDU però le scelte non si rivelano particolarmente felici e la “tigre” perde momentaneamente lo scettro di “regina”, dovendo fare i conti con gli “assalti” agguerriti della Pravo e della Caselli.

Un Disco per l’Estate 1968: Mario Zelinotti, un bravo cantante che non ha mai raccolto il successo che avrebbe meritato, prende parte alla popolare gara radiofonica con Un colpo al cuore, uno splendido pezzo di Bigazzi e Mario & Giosy Capuano. Potrebbe essere la sua grande occasione. Purtroppo per lui, Mina ascolta casualmente quella canzone negli uffici della Durium, la casa discografica di Zelinotti, che tra l’altro distribuisce anche la sua produzione e ne resta affascinata, la incide a tempo di record e “uccide” sul mercato la versione originale. La cover di Mina raggiunge come posizione massima il 13° posto nella classifica di vendita, poi a inizio 1969 la cantante incappa nello scivolone Ma che freddo fa e Un’ora fa, riprese come abitudine dal calderone di Sanremo e prodotte per un suo nuovo 45 giri.

Scarica un estratto in pdf

No Comments

There are currently no comments on Non credere. Perhaps you would like to add one of your own?

Leave a Comment