Guida al collezionismo musicale * Valore e quotazione collezionistica

Written by Germano Barban. Posted in In edicola, RUBRICHE, Senza categoria

Tagged: , ,

Published on maggio 03, 2016 with No Comments

Non è un testo sacro, neppure un decreto internazionale, né tantomeno un tacito e obbligato vincolo, ma la tabella della gradazione qualitativa dei dischi in vinile destinata al collezionismo rimane in ogni caso un preciso punto di riferimento accettato e condiviso dai collectors di tutto il mondo.

Più o meno tutti noi, quando vediamo scritto o sentiamo in ambito discogra co l’aggettivo gurativo “mint” tendiamo a storcere il naso con malcelata espressione di dubbio. E’ una normale reazione indotta dal sospetto a sua volta generato da esperienze negative con cui ci siamo trovati a che fare in tante occasioni. La parola inglese “mint” ha tra i molti signicati anche quello di indicare un oggetto nuovo di fabbrica, quindi mai utilizzato precedentemente e per quanto riguarda i dischi, in teoria lo si dovrebbe applicare esclusivamente a vinili ancora sigillati, tra l’altro non esenti in assoluto da possibili difetti di lavorazione come spiegato addietro.

Scarica un estratto in pdf

No Comments

There are currently no comments on Guida al collezionismo musicale * Valore e quotazione collezionistica. Perhaps you would like to add one of your own?

Leave a Comment